Regolamento della Sala Studio

  1. La sala studio è aperta agli studiosi che svolgono ricerche sulla documentazione conservata dall’Archivio Storico della Cgil di Roma e del Lazio “Manuela Mezzelani”
  2. Lo studioso è tenuto a compilare per ciascun anno solare e per ciascun tema di ricerca una domanda di ammissione su un apposito modulo fornito dall’Archivio.
  3. I documenti conservati dall’Archivio Storico della Cgil di Roma e del Lazio “Manuela Mezzelani” sono liberamente consultabili, a eccezione di quelli di carattere riservato, che diventano consultabili 50 anni dopo la loro data e di quelli relativi a situazioni puramente private di persone, che lo diventano dopo 70 anni. Le richieste di documentazione vanno compilate su un apposito modulo disponibile in sala studio
  4. Le richieste di documentazione possono essere fatte per un massimo di due pezzi per ciascun giro di distribuzione
  5. Danneggiamenti, dispersioni, spostamenti e furti di documenti sono puniti con l’esclusione dall’archivio, la denuncia alle competenti autorità archivistiche, salva l’azione per responsabilità civile e sanzioni penali
  6. I documenti vanno consultati ed eventualmente selezionati per la fotocopiatura secondo l’ordine in cui si trovano nel fascicolo e non devono essere rimossi per nessuna ragione
  7. I documenti selezionati per la fotocopiatura vanno indicati nell’apposito modulo fornito dall’Archivio
  8. Ogni studioso può richiedere fino a un massimo di 500 fotocopie per ogni anno solare
  9. Nella sala studio non si possono portare borse, cartelle e contenitori di qualsiasi genere.